Misure ecologiche nei negozi del Mendrisiotto

Pubblicato il Pubblicato in Comunicato stampa, Legislatura 2016-2020, Media

COMUNICATO STAMPA

Da sempre i Verdi del Ticino e i Verdi del Mendrisiotto chiedono misure attive per migliorare la salute, il risparmio energetico, l’impatto ecologico.

Quali clienti dei negozi ticinesi, e in particolare del Mendrisiotto, verifichiamo che spesso essi non adottano misure che potrebbero ridurre il consumo di energia e l’impatto ecologico e potrebbero nel contempo migliorare la salute dei clienti e del personale.

In particolare constatiamo:

  • aria condizionata eccessivamente fredda;
  • banco frigo aperti;
  • sacchetti in plastica non biodegradabile nei reparti ortofrutta e alle casse.

Spesso, quali abitanti della parte della Svizzera dove l’inquinamento la fa da padrone, oltrepassando i limiti stabiliti legalmente più volte durante l’anno, proviamo disagio a far la spesa presso questi negozi: l’aria condizionata è eccessiva, i banco frigo aperti sono dannosi alla salute di personale e clienti così come all’ambiente.

Inoltre, i sacchetti di plastica, ed in generale l’eccessiva quantità di scatole ed imballaggi in materiali non biodegradabili che avvolgo gli alimenti, aumentano la produzione di rifiuti delle economie domestiche e non sono ecologicamente sostenibili.

Rivolgiamo pertanto un appello, in particolare ai grandi centri commerciali (Migros, Coop, Aldi, Lidl ecc.)  che dispongono di maggiori risorse finanziarie e capacità logistiche, affinché si adottino misure ecologiche quali una temperatura meno elevata, meno dispendiosa dal punto di vista energetico e meno nociva per la salute dei clienti e del personale, banchi frigo chiusi e sacchetti biodegradabili.

Anche queste misure servirebbero a fidelizzare il consumatore ticinese che apprezzerebbe sicuramente l’impegno a favore di un ambiente migliore e quindi anche della salute di tutta la popolazione.

I Verdi del Mendrisiotto