Interrogazione: Impianto regionale di biogas per il Mendrisiotto

Pubblicato il Pubblicato in In Consiglio Comunale, Interrogazioni, Legislatura 2016-2020

Signori Sindaco e Municipali,

lo scorso 14 gennaio 2016 vi è stato un incontro del Gruppo Collaborazione intercomunale, a Vacallo, durante il quale il granconsigliere Zanini ha sottoposto ai rappresentanti dei Comuni del Mendrisiotto presenti una proposta di soluzione regionale per l’utilizzo dei rifiuti vegetali. In aprile i Municipi di Balerna, Breggia, Castel San Pietro, Morbio Inferiore, Novazzano e Vacallo hanno scritto al Dipartimento del territorio sostenendo che la proposta sopra menzionata è degna di approfondimento e hanno invitato il Dipartimento del territorio a valutarla, con particolare attenzione, in rapporto al Piano cantonale dei rifiuti per gli scarti organici.

La soluzione proposta prevede di creare un impianto di biometanizzazione, su proprietà del Cantone nella zona del PUC della Valle della Motta, per sfruttare la massa critica di rifiuti vegetali prodotti nel Mendrisiotto, coinvolgendo tutti gli enti pubblici e i privati. L’interesse pubblico è dato. Tale soluzione è in alternativa a quella prevista presso l’azienda privata “La Rossa” di Rancate dal Piano cantonale dei rifiuti per gli scarti organici, approvato nel 2014.

Vi sono molti aspetti positivi legati a questa soluzione, messi in rilievo dal grancosigliere Zanini; in particolare tale proposta:

  • è fondata su una visione regionale al problema dei rifiuti vegetali;
  • rientra in una prospettiva di interesse pubblico;
  • è rispettosa delle norme legali in materia di rifiuti e norme igieniche;
  • è facilitata dall’ubicazione su terreni di proprietà cantonale, destinati dal PUC della Valle della Motta a “zona rifiuti”, che sono già occupati da infrastrutture legate al settore specifico e ubicati lontano dai centri abitati;
  • favorisce l’uso di materie prodotte in loco da aziende agricole, ospedali, scuole, Comuni;
  • crea energia elettrica rinnovabile ad uso di istituzioni pubbliche o di economie domestiche private;
  • permette di ridurre i costi per lo smaltimento dei RSU;
  • va nella direzione della politica della Confederazione e del Cantone (PEC).

Per meglio comprendere alcuni aspetti legati a questo tema desideriamo sapere:

  1. Il Municipio di Mendrisio non risulta tra i firmatari della lettera inviata al Dipartimento del territorio: potete chiarire la motivazione a fondamento di tale scelta?
  2. Il problema dei rifiuti vegetali merita una soluzione non solo regionale ma anche pubblica: il Municipio condivide tale visione?
  3. Il Piano energetico comunale favorisce tanto il risparmio energetico quanto un uso parsimonioso delle risorse: l’impianto di biometanizzazione non rientrerebbe nel discorso di promozione delle energie rinnovabili promosso da Confederazione, Cantone e Comuni?
  4. È possibile sapere il quantitativo di rifiuti vegetali smaltiti nel Comune di Mendrisio?

Con i migliori saluti.

Tiziano Fontana, capogruppo i Verdi

Françoise Gehring, capogruppo IaS